Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori

Condizione giuridica: privato

Macrotipologia: Ente di cultura, ricreativo, sportivo, turistico

Altre denominazioni:

  • Faam <span>(acronimo)</span>

Cenni storico istituzionali:

Nata per volontà degli eredi di Arnoldo e Alberto Mondadori con il fine di conservare, valorizzare e mettere a disposizione del pubblico le storie personali e professionali dei due editori e delle case editrici da loro fondate (Mondadori e Saggiatore), da più di trent’anni la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori opera attivamente per la conservazione e la valorizzazione della memoria del lavoro editoriale in Italia e dalla metà degli anni Novanta è diventata un centro studi e ricerche sulla cultura editoriale nel nostro paese, collegandosi con un network di realtà analoghe in Europa e nel mondo. Nel corso di questi anni l’attività della Fondazione ha puntato su un modello di intervento diversificato, che tenesse conto delle specificità dei propri destinatari.
Da queste premesse hanno avuto origine programmi di formazione e di ricerca, spesso in collaborazione con consolidate realtà universitarie (come l’Università degli Studi di Milano), e la sperimentazione di nuove proposte di valorizzazione del patrimonio conservato mirate a raggiungere utenti con esigenze differenti: studiosi, professionisti, docenti, bibliotecari, bambini e famiglie.
Tra i risultati più evidenti di questa continua attività da parte della Fondazione sono da considerare non solo la crescita dei fondi conservati e degli studiosi che frequentano la sala di consultazione, ma soprattutto la rete di rapporti costruita negli anni, a partire dai primi censimenti, con il mondo editoriale; il costante tentativo di elaborare un’efficace esperienza di collaborazione tra pubblico e privato; la possibilità di trasmettere i valori della mediazione editoriale nella formazione dei futuri operatori del settore (attraverso l’avvio dei corsi di master per redattore editoriale).
Il futuro ci vede sempre più impegnati a consolidare e ad allargare la missione della Fondazione, nella convinzione che la conservazione della memoria del lavoro editoriale, così come la formazione e la promozione della cultura editoriale e della mediazione culturale, siano strumenti fondamentali per la crescita del nostro paese.

Contatti:

Enti titolari:

  • Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori

Collegamenti:

Patrimonio:

I fondi archivistici conservati presso la Fondazione hanno uno sviluppo pari a 1500 metri lineari con documentazione che copre l’arco cronologico 1844-2014.
Il nucleo principale è costituito dagli archivi storici della Arnoldo Mondadori Editore (AME) e del Saggiatore nelle loro diverse articolazioni, archivi che vengono continuamente incrementati dalla periodica acquisizione di materiale documentario sulla base delle convenzioni stipulate con entrambe le case editrici.
Ai materiali provenienti direttamente dall’AME e dal Saggiatore si sono aggiunti nel tempo importanti versamenti di fondi prodotti da dirigenti, intellettuali, autori, traduttori, illustratori che hanno collaborato o avuto comunque parte attiva nella storia delle due case editrici, nonché di fondi personali provenienti dalla famiglia Mondadori.
Oltre a questi, grazie al ruolo di archivio di concentrazione nel settore editoriale riconosciuto alla Fondazione, sono qui pervenuti archivi di imprese editoriali, di autori e personalità dell’editoria e della cultura. I fondi non ancora riordinati mantengono la denominazione originale fino al momento in cui vengono realizzati interventi di riordino e inventariazione.
La maggior parte dei fondi conservati presso la Fondazione è stata dichiarata di notevole interesse storico dalla Soprintendenza archivistica per la Lombardia.
Gli interventi di riordino e inventariazione sono stati attuati con la supervisione della Soprintendenza, che ha fornito indicazioni metodologiche e approvato gli strumenti di corredo. I lavori di inventariazione effettuati negli ultimi anni, alcuni dei quali realizzati con il contributo della Fondazione Cariplo, hanno permesso di aumentare la disponibilità di banche dati inventariali, realizzate con gli applicativi messi a disposizione dalla Regione Lombardia (Sesamo/Archimista, AIM).
Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori è partner del Portale Archivi d’impresa.

Politiche di gestione e di acquisizione:

Elenco dei fondi

Arnoldo Mondadori Editore
1906-2001, bb. 2.300
Famiglia Mondadori
1913-2003, bb. 196
Il Saggiatore e altre società del Gruppo il Saggiatore
1934-2006, bb. 420
Agenzia letteraria internazionale (ALI) – amministrativo
1930-1998, bb. 591
Agenzia letteraria internazionale (ALI) – Erich Linder
1942-1984, bb. 1898
Bruno Angoletta
1922 – 1926, disegni 118
Bemporad
1871-1962, bb. 9
Giuseppe Bottai
1903-1992, bb. 72, sezione fotografica
Gianni Brera
1919-1992, bb. 66
Alba de Céspedes
1876-1997, bb. 136
Enzo Ferrieri
1901-2003, 70 ml
Francesco Flora
1919-1968, bb. 14
Marco Forti
1953-1998, bb. 24
Niccolò Gallo
1917-1971, b. 1
Rinaldo Küfferle
1903-1955, bb. 20
Guido Lopez – carteggio
1931-2004, bb. 57
Gianna Manzini
1928-1974, bb. 34
Lavinia Mazzucchetti
1844-1965, bb. 58, sezione fotografica
Collezione Alessandro Minardi
1928-1999, bb. 5, tavole 1.757
Walter Molino
1915-1997, 100 ml
Paolo Murialdi
1909-2006, bb. 18
Fernando Palazzi
1895-1990, bb. 14
Giorgio Pinotti
2005, fasc. 1
Ervino Pocar
1920-1981, bb. 23, scatole 3
Domenico Porzio
1906-2004, bb. 38
Franco Quadri – Ubulibri
1936-2011, scatole 461, sezione fotografica
Rosa e Ballo Editori
1939-1964, bb. 24
Giovanni Testori
1956-1992, bb. 34
Legatoria Torriani e C. Spa
1891-2005, bb. 470, registri 334
Collezione Marco Tropea
tavole 31
Sezione materiali fotografici e audiovisivi
1895-1990, 2.000 positivi in b/n e a colori, 3.200 negativi di vario formato

Orari e indicazioni per l'accesso ai fondi:

Criteri e modalità di ammissione

Sono ammessi alla consultazione dell’archivio e della biblioteca tutti coloro che abbiano compiuto il 18° anno di età e per i quali non sia stato emanato uno specifico provvedimento di esclusione.
La Fondazione offre la possibilità di esaminare il materiale documentario esclusivamente presso la propria sede e in un’apposita sala di studio.
Per accedere alla consultazione è necessario fissare un appuntamento inviando un messaggio a saladistudio@fondazionemondadori.it oppure contattando telefonicamente il personale addetto (02-39273061).
La ricerca nei fondi archivistici e bibliografici è libera e gratuita ed è consentita a chiunque ne faccia domanda; nel primo caso, la richiesta di consultazione va inoltrata via mail alla Soprintendenza archivistica per la Lombardia per ottenere l’autorizzazione preventiva alla consultazione dei fondi dichiarati di notevole interesse storico.
Nel momento in cui è ammesso in sala di studio, l’utente è tenuto a sottoscrivere, su apposito modulo predisposto dalla Fondazione, le proprie generalità e una dettagliata descrizione dell’oggetto e delle finalità della ricerca.
L’autorizzazione alla consultazione di documenti non solleva il ricercatore dalla responsabilità penale e civile per reati o danni derivanti a persone o enti per l’indebita citazione di nomi e cognomi e per la diffusione delle notizie contenute nei documenti consultati, né dall’accertamento ed eventualmente dalla regolarizzazione di eventuali diritti d’autore spettanti ad altri soggetti sugli stessi beni.

Sedi

Indirizzo:
Via Riccione, 8
20156 Milano (MI)

Complessi archivistici