|||
Fiar-Cge - Consiglio di fabbrica

Fiar-Cge - Consiglio di fabbrica (s.d.)

73 unità archivistiche collegate (totale del complesso)

Archivio

Storia archivistica:

Il fondo del Consiglio di fabbrica della Fiar-Cge di via G.B. Grassi a Milano, recuperato nell’ottobre 1996 nei locali dell’organismo sindacale aziendale, consta di 73 fascicoli, relativi al periodo 1965-1994. La documentazione era in origine conservata in 53 raccoglitori ad anelli e in 29 tra cartellette e piccoli contenitori. La sezione del fondo collocata nei raccoglitori era strutturata per temi, indicati sul dorso del contenitore, mentre la sezione rimanente si presentava poco organizzata internamente. L’esame delle carte ha portato all’elaborazione di uno schema di classificazione articolato in 5 classi:
1. Consiglio di fabbrica
2. Accordi
3. Direzione aziendale
4. Enti assistenziali e attività ricreative
5. Rapporti con organizzazioni sindacali.
La prima classe è stata ulteriormente ripartita in 4 sottoclassi.
E’ presente in minima parte materiale prodotto dalla Commissione interna nelle classi “Direzione aziendale”, “Enti assistenziali e attività ricreative”, “Rapporti con organizzazioni sindacali” e nelle sottoclassi “Comunicati e corrispondenza” e “Ambiente di lavoro”.

La Fiar nasce nel 1941, quando la Cge (Compagnia generale d’elettricità) rileva la Far (Fabbrica apparecchi radio). La produzione, per tutti gli anni ‘40, sarà di apparecchi radio. Nel 1950 la Fiar inizia l’espansione nel settore militare, accanto alla fornitura di ripetitori televisivi alla Rai e all’incremento dei settori Spazio e Elettroottica. Nel 1967 la Fiar viene assorbita dalla Cge e ne diventa la Divisione elettronica, con stabilimenti a Milano e a Baranzate di Bollate. Negli anni ‘70 la Fiar subisce ristrutturazioni e mutamenti aziendali: nel 1978, dopo che viene ricostituita come Società per azioni controllata dalla Cge, comincia una crisi che porta alla messa in Cassa integrazione di 400 lavoratori. Nel 1980 passa alla Setemer, finanziaria del gruppo svedese Ericsson. Negli anni ’80 si verifica una ripresa della produzione, degli investimenti e degli occupati (943 nel 1982, 1.215 nel 1988), tanto che la Direzione aziendale articola la società in tre divisioni (Difesa, Spazio e automazione, Supporto logistico). La produzione della Fiar riguarda attualmente i settori dei sistemi elettronici, delle tecnologie dell’informazione, della robotica industriale, dei sistemi di sicurezza e automazione industriale e di controllo ambientale (1).

Soggetti conservatori

Progetti