|||
Ceruti officine meccaniche - Commissione interna e Consiglio di fabbrica

Ceruti officine meccaniche - Commissione interna e Consiglio di fabbrica (s.d.)

70 unità archivistiche collegate (totale del complesso)

Archivio

Storia archivistica:

Il fondo della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica delle Officine meccaniche Ceruti di Bollate è stato recuperato nei locali del Consiglio nel settembre 1994. Si tratta di 70 fascicoli, relativi agli anni 1943-1994, anche se la maggior parte della documentazione risale al periodo 1970-1985. L’archivio era conservato parte in classificatori ad anelli con indicazione sul dorso del contenuto, che è risultato corrispondere effettivamente ai documenti presenti e parte in buste contenenti materiale abbastanza disorganico e spesso aggregato senza senso logico. In questo caso è stato necessario un lavoro di aggregazione dei fascicoli. L’analisi del materiale ha permesso l’individuazione di uno schema di classificazione articolato in 6 classi:
1. Commissione interna
2. Consiglio di fabbrica
3. Accordi
4. Direzione aziendale
5. Enti assistenziali e attività ricreative
6. Rapporti con organizzazioni sindacali.
La documentazione riguardante la Commissione interna è minima rispetto alla totalità del fondo: il materiale relativo al periodo in cui ha operato la Commissione interna è presente non solo nella classe ‘Commissione interna’, ma anche nelle altre classi. E’ stata creata una settima classe per collocare il materiale di Carlo Amodeo, funzionario della FIOM della zona Sempione, relativo alle vicende della Ceruti e recuperato in zona nel settembre 1996. Le fotografie presenti nel fondo sono state collocate nell’archivio fotografico.

La società Officine meccaniche Ceruti di Bollate (1), fondata nel 1896, produce macchine utensili. Nel 1960 è assorbita dalla Edison e in seguito dalla Montedison (Divisione Attività varie): sono anni di aumento della capacità produttiva degli impianti e di penetrazione commerciale nel mondo (per la produzione di alesatrici), tanto che nel 1970 lo stabilimento occupa più di 500 dipendenti. Dal 1972 inizia un periodo di crisi e nel 1975 la Ceruti entra a far parte della Finanziaria Fimec: si attuano piani di ristrutturazione e ricorsi alla Cassa integrazione. Nel dicembre 1975 la società viene messa in liquidazione; l’anno seguente (dicembre) viene però stipulato un accordo con la Montedison che sembra portare a una ripresa della produzione. Nel 1978 si arriva alla crisi finale, il 27 luglio 1979 la Ceruti è messa in liquidazione e passa al gruppo Berardi di Brescia (meccanica strumentale). Il 19 novembre 1986 viene costituita la società Ceruti Spa tra le Officine meccaniche Ceruti, Aymo e Paola Berardi per la produzione e la vendita di macchine utensili e di costruzioni meccaniche. Nel marzo 1992 i lavoratori trovano i cancelli dello stabilimento chiusi e poco dopo l’azienda viene posta sotto amministrazione straordinaria per insolvenza, così come le altre del gruppo; nel gennaio 1993 la Direzione avanza richiesta per la cessazione dell’attività produttiva e nel 1994 avviene la chiusura.

Soggetti conservatori

Progetti