|||
Gruppo Industriale Ercole Marelli - Commissione interna e Consiglio di fabbrica

Gruppo Industriale Ercole Marelli - Commissione interna e Consiglio di fabbrica (s.d.)

41 unità archivistiche collegate (totale del complesso)

Archivio

Storia archivistica:

L’archivio della Commissione interna e del Consiglio di fabbrica, versato nel 1992, nel 1995 e nel 1998, consta di 41 fascicoli e copre un arco cronologico di 38 anni (1960-1998). Gli estremi cronologici evidenziano che è presente anche materiale documentario della Commissione interna. Nel 1984 era già stato versato da Giovanni Perfetti (disegnatore tecnico alla Ercole Marelli) un fondo riguardante carte dal 1945 al 1979. Poiché si tratta di un fondo personale si è deciso di mantenere distinti i due versamenti: nel presente inventario è segnalato in nota il riferimento a fascicoli dall’oggetto analogo appartenenti all’archivio riordinato in precedenza.
Il fondo era conservato in 37 classificatori ad anelli con l’indicazione sul dorso della documentazione contenuta. L’analisi delle carte ha permesso l’individuazione di 5 partizioni, secondo il seguente schema di classificazione:
1. Commissione interna e Consiglio di fabbrica
2. Accordi
3. Direzione aziendale
4. Enti assistenziali
5. Rapporti con organizzazioni sindacali.

L’azienda, creata nel 1891 da Ercole Marelli, ex dipendente del Tecnomasio italiano Brown Boveri, produce inizialmente apparecchiature meccaniche ed elettriche per specializzarsi successivamente in apparecchi medicali, parafulmini e accumulatori portatili per illuminazione. La Ercole Marelli trasferisce i suoi impianti a Sesto S. Giovanni nel 1905. Dopo la prima guerra mondiale l’azienda inizia a produrre pompe elettriche e generatori di potenza elevata. Accanto al primo stabilimento, nel 1921 sorge la ‘Grossa meccanica’ in cui venivano prodotti trasformatori, generatori, turbine e pompe idrauliche. Dopo un periodo di espansione durante gli anni ‘60 (nel 1963 l’azienda conta più di 7.000 dipendenti), inizia un periodo di crisi. Nel 1981 la società viene posta in amministrazione straordinaria. Il primo ottobre 1984 viene costituito il gruppo GIEM (Gruppo industriale Ercole Marelli) comprendente la Marelli componenti elettromeccanici (MCE), la Rotos Elettropompe, la Rotos Motori e la Marelli impianti tecnologici. Nel 1987 si ha l’utilizzo della Cassa integrazione guadagni e del prepensionamento al fine di attuare un piano di ristrutturazione aziendale per il rilancio produttivo del gruppo. Dal 1990 inizia un forte periodo di crisi , fino alla liquidazione della società (1995).

Soggetti conservatori

Progetti

Compilatori

  • Revisione: Primo Ferrari (Archivista) - Data intervento: 22 maggio 2013