|||
IBM Semea (ex IBM Italia) - Riboni, Alfio

IBM Semea (ex IBM Italia) - Riboni, Alfio (s.d.)

6 unità archivistiche collegate (totale del complesso)

Fondo

Storia archivistica:

Il fondo è composto di 6 fascicoli, versati nel 1996 da Alfio Riboni, impiegato amministrativo alla Ibm dal 1976, membro del Consiglio di fabbrica e della Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu). Le carte, versate in fotocopia, erano conservate in 4 classificatori ad anelli con l’indicazione del contenuto e dell’arco cronologico. Si tratta di due serie di documenti: la prima è formata da 105 accordi aziendali e di gruppo dal 1972 al 1996 e dall’opuscolo, redatto dal Consiglio di fabbrica nel 1983, dal titolo “30 anni di contrattaAione sindacale in Ibm. 1952-1982”.
Nella seconda serie è presente documentazione relativa all’orario di lavoro: rielaborazioni dei dati forniti dalla Direzione aziendale sugli straordinari (1980-1996); comunicazioni dell’azienda sugli straordinari previsti e rielaborazione degli stessi (1991-1996); comunicazioni dell’azienda sugli straordinari effettuati e rielaborazione degli stessi (1985-1996).

L’IBM Semea – South Europe Middle East Africa Spa, costituita nel 1991, ha incorporato l’Ibm Italia. Quest’ultima traeva origine dalla Società Internazionale Macchine Commerciali, costituita a Milano nel 1927. Nel 1935 L’Ibm Italia apre a Milano il primo stabilimento che viene sostituito nel 1966 da quello di Vimercate (componenti ad alto contenuto tecnologico). Nel corso degli anni ‘70-’80 vengono aperti due stabilimenti in provincia di Roma. Gli anni ‘80 sono caratterizzati sia da numerose collaborazioni con altre società sia dalla costituzione di nuove società. L’Ibm SEMEA produce eleboratori di medie e piccole dimensioni e unità periferiche per il trattamento delle informazioni e fornisce servizi nel campo dell’elaborazione dei dati. Ha inoltre la responsabilità degli affari Ibm in Israele, Grecia, Portogallo, Turchia e in altri 46 paesi dell’Asia e dell’Africa.

Soggetti conservatori

Progetti

Compilatori

  • Revisione: Primo Ferrari (Archivista) - Data intervento: 22 maggio 2013