|||
Amministrazione del Parco e Villa Reale di Monza di proprietà dei Comuni di Milano e Monza

Amministrazione del Parco e Villa Reale di Monza di proprietà dei Comuni di Milano e Monza (1868 - 1996)

184 unità archivistiche collegate (totale del complesso)

Fondo

Storia archivistica:

L’archivio dell’Amministrazione del Parco e Villa Reale di Monza è stato ritrovato nel 1999 in un disastroso stato di conservazione e recuperato, unitamente alle carte del Consorzio autonomo Milano-Monza-Umanitaria, in condizioni di totale incuria e abbandono, mostrando deterioramenti fisici e ingenti alterazioni alla propria struttura originaria.

L’intero complesso documentario è stato sottoposto a un primo intervento di recupero e riordino finalizzato a distinguere, con un margine di approssimazione, gli atti prodotti dal CAMMU da quelli attinenti all’amministrazione collegiale da parte dei due Comuni divenuti comproprietari, e a suddividerli in nuclei documentari omogenei e di tipo tematico che orientassero la ricerca. In mancanza di un atto di scioglimento del CAMMU, la convenzione del 16 maggio 1938 tra i comuni di Milano e Monza individua il passaggio istituzionale formalmente assente, sebbene tale discriminante non possa e non debba intendersi rigidamente.

L’intervento di riordino e inventariazione informatizzata del fondo dell’Amministrazione del Parco e Villa Reale di Monza di proprietà dei comuni di Milano e Monza è stato così preceduto dalla compilazione dell’edizione provvisoria dell’inventario dell’archivio del CAMMU, successivamente revisionata e resa definitiva.

In questo fondo sono state ricostruite e inventariate 82 unità archivistiche raccolte in 46 faldoni. I documenti si collocano per lo più in un arco cronologico compreso fra il 1938 e i primi anni Novanta.

Le serie particolari comprendono 102 registri di protocollo, contabilità, libri paga e matricola.

In maniera analoga all’intervento sull’archivio del CAMMU, le condizioni di assoluto disordine hanno reso impossibile individuare strutture organizzative originarie e hanno richiesto una disamina di tutti i documenti, al fine di riordinarli in base a un sistema classificatorio orientato a ricostruire i principali ambiti di attività dell’Amministrazione del Parco e della Villa Reale.

Di seguito si riproduce il sistema di classificazione adottato come base di riordinamento del presente fondo:

1. Amministrazione

2. Patrimonio

2.1. Beni mobili

2.2. Affitti e concessioni

2.3. Sub-locazione dell’Autodromo

2.4. Sub-locazione dell’Ippodromo

3. Gestione Parco e Villa

4. Personale

5. Finanze e contabilità

Le unità archivistiche all’interno di tali partizioni comprendono tendenzialmente documenti relativi al medesimo oggetto e sono state ordinate in base a un criterio di tipo tematico e, in subordine, cronologico, specificato nelle relative schede struttura. Qualora individuate, si sono rispettate forme originarie di aggregazione dei documenti, estendendole, nei casi segnalati, ad atti assimilabili.

In considerazione del prevalente interesse amministrativo della documentazione conservata, i fascicoli ricostruiti, rispetto all’intervento di riordino del fondo del CAMMU, risultano generalmente più consistenti. Tuttavia, la relativa semplicità della struttura e il disordine in cui versava l’archivio possono aver generato inevitabilmente, a livello di unità archivistiche, descrizioni inventariali difformi tra loro e più dettagliate rispetto al contenuto delle schede struttura.

Analogamente al precedente intervento, per la schedatura informatica si è adottato l’applicativo Sesamo (ver. 3.1), il quale ha consentito la redazione di una base dati inventariale e di un inventario cartaceo.

La descrizione inventariale delle singole unità archivistiche è composta dai seguenti elementi:

1. Numero unità;

2. Titolo dell’unità;

3. Estremi cronologici;

4. Contenuto (riassunto dei documenti presenti nell’unità);

5. Tipologia dell’unità (fascicolo, registro);

6. Note;

7. Codice di classificazione archivistica;

8. Segnatura archivistica (numero del contenitore e del fascicolo).

Per la descrizione archivistica, si è fatto riferimento, nel presente lavoro:

- alle “Norme per la pubblicazione degli inventari” (circolare del Ministero dell’interno n. 39/1966, Direzione generale degli archivi di Stato, Ufficio studi e pubblicazioni);

- alle norme presenti nella “Guida operativa alla descrizione archivistica. La descrizione inventariale” a cura di Roberto Grassi, Paolo Pozzi, Maurizio Savoja, edita dalla Regione Lombardia nel 2001;

- alla più recente normativa internazionale sugli standard descrittivi, in particolare alle ISAD (G): General International Standard Archival Description e alle ISAAR (CPF): International Standard Archival Authority Record for Corporate Bodies, Persons and Families.

© 2004 – CAeB scarl – Comune di Monza

Amministrazione del Parco e Villa Reale di Monza di proprietà dei comuni di Milano e Monza, Inventario d’archivio

L’inventario è stato realizzato dalla CAeB (Cooperativa archivistica e bibliotecaria).

Progetto e direzione levori: Paolo Pozzi.

Riordino e inventariazione: Marina Regina.

Si ringrazia per la collaborazione Renata Beretta e Sandro Mauri dell’Ufficio archivio e protocollo del Comune di Monza.

Il progetto di inventariazione del fondo è stato inserito a cura del Servizio biblioteche e Sistemi culturali integrati della Regione Lombardia all’interno del Piano dei contributi a favore degli archivi degli enti locali (art. 4 legge 14.12.1985, n. 81).

Codici identificativi:

  • MIBA00BEB8 (PLAIN) | Annotazioni: Verificato il 18/10/2013

Soggetti conservatori

Soggetti produttori

Progetti

Compilatori

  • Paolo Pozzi (Archivista)
  • Marina Regina (archivista)