|||
Riva Calzoni Archivio storico

Riva Calzoni Archivio storico (1906 - 1994)

1.360 unità archivistiche collegate (totale del complesso)

Archivio

Consistenza archivistica: 762 unità archivistiche in 200 buste; oltre 50.000 disegni tecnici

Il fondo è suddiviso in 7 serie che danno conto dell'organizzazione aziendale sulla base di quanto siamo riusciti a ricostruire dallo studio della documentazione. La numerazione delle buste è progressiva per l'intero fondo, mentre invece la numerazione delle unità archivistiche ricomincia da 1 per ogni serie. La scelta della numerazione aperta per quanto riguarda le unità archivistiche delle serie dipende dal fatto che è possibile che il fondo Riva si arricchisca in futuro di ulteriore documentazione.
La serie "Statuti" è costituita dalle copie degli statuti societari del 1919 e del 1945; nella serie "Relazioni e bilanci" sono presenti relazioni, bilanci, ordini del giorno e sunti delle deliberazioni dell'assemblea degli azionisti limitatamente agli anni dal 1929 al 1937; la serie "Corrispondenza" (ripartita nelle sottoserie: Protocolli, Corrispondenza stabilimenti, Corrispondenza dirigenti) raccoglie copie dei protocolli degli uffici degli stabilimenti Riva, Calzoni e Hydroart, corrispondenza tra lo stabilimento Riva di Milano e lo stabilimento Calzoni di Bologna, per gli anni 1979 e 1980 e parte della corrispondenza di dirigenti (Guido e Gianfranco Ucelli di Nemi, Annibale Calzoni e Gianluigi Majno). La serie "Ufficio commerciale" (ripartita nella sottoserie: Contratti, Calcolazioni preventivi) raccoglie parte dei contratti economici e un copioso blocco delle tabelle dei preventivi sugli interventi agli impianti. La serie "Ufficio impianti" (ripartita nelle sottoserie: Corrispondenza con tecnici, Promemoria, Pompe, Turbine, Componenti vari, Costruzione impianti, Commesse) rappresenta circa la metà della documentazione del fondo. Nella serie è contenuta la corrispondenza e le relazioni tecniche degli ingegneri e degli impiegati e la progettazione per la realizzazione e la manutenzione di pompe, turbine e componenti diversi. La serie "Associazioni" (ripartita in cinque sottoserie: Associazione nazionale costruttori edili (Ance), Associazione nazionale industrie elettrotecniche ed elettroniche (Anie), Associazione nazionale industria meccanica varia ed affine (Anima), Associazione fra le società italiane per azioni (Assonime), Associazione industriale lombarda), raccoglie circolari delle suddette associazioni indirizzate alla Riva Calzoni. Infine la serie "Gruppo industrie elettromeccaniche per impianti all'estero (Gie)" è costituita da verbali del Comitato esecutivo del Gie.
La Sezione progetti e disegni tecnici conserva oltre 50.000 disegni e progetti tecnici di impianti (pompe e turbine idrauliche) costruiti dalla società Riva Calzoni di Milano tra il 1909 e il 1973.

Storia archivistica:

La Fondazione Isec nel corso del 1999 ha ricevuto dall’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (Insmli) un primo nucleo di documenti privi di strumenti archivistici che ne consentissero la consultazione.
La documentazione era costituita da 400 raccoglitori da ufficio ad anelli e da oltre 50.000 disegni tecnici di impianti e prodotti (pompe e turbine idrauliche), conservati in cartelle originali. L’arco cronologico della documentazione andava dal 1906 al 1986 e comprendeva, in particolare, verbali di riunioni e promemoria, contratti e commesse, preventivi, situazioni finanziarie, corrispondenza e documentazione tecnica.
Nel corso del 2013 la multinazionale tedesca Voight, che aveva rilevato una parte delle attività della Riva, nonché una porzione rilevante della documentazione tecnico-amministrativa dell’Archivio storico della società milanese, nella persona del direttore della filiale italiana con sede a Cinisello Balsamo si mise in contatto con l’Isec per valutare la possibilità di versare alla Fondazione la parte più consistente dell’Archivio Riva costituita da oltre 500.000 disegni tecnici di prodotti e impianti dell’azienda conservati in circa 100 cassettiere orizzontali con i relativi registri originali; oltre 150 metri lineari di documenti (relazioni tecniche, contratti, verbali di riunioni, corrispondenza, comunicazioni, preventivi, fotografie, materiali pubblicitari, volumi della biblioteca tecnica ecc.). Sfortunatamente, dopo che una prima tranche di documenti (circa 60 metri lineari) erano stati portati in Isec, allorché si doveva procedere al trasferimento della restante documentazione, comprendente i disegni tecnici, le fotografie e il materiale pubblicitario, il direttore della filiale italiana fu sostituito e il nuovo direttore chiuse inspiegabilmente ogni via di comunicazione con la Fondazione Isec.
Le scritture sociali della Riva Calzoni (Verbali delle Assemblee dei soci e del Consiglio di amministrazione, Libri soci) sono invece, dal 2000, conservate presso la società Intec di Milano. La documentazione del personale è invece andata completamente distrutta.
Il lavoro di ordinamento ha riguardato quindi complessivamente circa 1.000 raccoglitori originali ad anelli in cui era raccolta la documentazione, che è stata inizialmente schedata in modo sintetico riportando i titoli originali delle pratiche ricavati dalle coste dei raccoglitori e gli estremi cronologici. Successivamente si è proceduto alla separazione del materiale bibliografico, che è stato catalogato nel Servizio bibliotecario nazionale, e all’organizzazione del fondo per uffici produttori con l’individuazione di serie e sottoserie. La documentazione tecnica è stata oggetto di un’analisi approfondita per individuare e accorpare la documentazione relativa a singole commesse produttive. L’ultima fase di lavoro ha comportato l’inventariazione analitica dei fascicoli e la ricondizionatura complessiva del fondo.
La Sezione progetti e disegni tecnici
L’intervento archivistico ha previsto diverse fasi di lavoro. Le 597 cartelle originali, aventi la misura di cm. 75 × 50 erano raccolte, completamente in disordine, in oltre 90 pacchi. Dopo aver provveduto alla rimozione dei nastri adesivi che avvolgevano i pacchi e le cartelle, il lavoro è proseguito con la divisione di queste ultime nei due prodotti pompe e turbine idrauliche; successivamente le cartelle sono state suddivise per anno e, all’interno della suddivisione cronologica, in ordine alfabetico per cliente/impianto. All’interno di ogni singola cartella si è provveduto alla spolveratura delle sottocartelle contenute con appositi pennelli con setole morbide, alla rimozione di fermagli e spilli metallici arruginiti e a una parziale ricondizionatura delle cartelle maggiormente danneggiate. Si è proceduto inoltre, quando necessario, a una distensione dei singoli disegni che presentavano delle piegature innaturali. Nel corso di questo lavoro abbiamo verificato la corrispondenza del contenuto delle cartelle e sottocartelle e il loro ordinamento originario.
Il lavoro di ordinamento e inventariazione delle carte dell’Archivio storico Riva Calzoni è stato reso possibile grazie ai finanziamenti ottenuti dal Mibact, Direzione generale per gli archivi, nel febbraio-novembre 2014 e aprile-dicembre 2016, sulla base della domanda di finanziamento presentata da Fondazione Isec nel 2012 (d.m. 30 luglio 1997) e alla Convenzione stipulata il 25 marzo 2015 da Fondazione Isec e Soprintendenza archivistica per la Lombardia che ha previsto un cofinanziamento delle spese per il completamento del lavoro.

Condizione di accesso:

liberamente accessibile

Stato di conservazione:

buono

Soggetti conservatori

Soggetti produttori

Progetti

Fonti

  • 100 anni Riva = Ucelli Guido, La "Riva" in cento anni di lavoro, 1861-1961, Alfieri & Lacroix, 1961
  • Alberto Riva = Bigatti Giorgio, Alberto Riva e la Milano industriale del suo tempo, Francesco Brioschi, 2013

Compilatori

  • Schedatura: Carlo Milani (Archivista)